Di sicuro hanno una certa disponibilità finanziaria, in qualche caso sono persino riuniti in associazioni con regolamenti e statuti. Sono i Business Angels, gli investitori informali dotati di risorse e di visione imprenditoriale, pronti ad investire in buone idee e innovazioni nelle piccole e medie imprese e nelle startup. A volte senza necessariamente inseguire il profitto a tutti i costi.

Identikit del business angel

  • È un investitore privato; tipicamente è una persona fisica che investe parte del proprio patrimonio personale apportando capitale di rischio a piccole imprese (PMI) in fase di avviamento e di primo sviluppo (startup).
  • Sono imprenditori, liberi professionisti e manager dotati di un patrimonio personale e in grado di offrire all’impresa in fase di startup oltre ai capitali, soprattutto competenze strategiche e gestionali, know-how e una diffusa rete di relazioni con il mondo economico finanziario.
  • Il capitale di rischio apportato dai Business Angels è in crescita in Europa e in Italia (fonte IBAN)

Dove trovarli in Italia

Non è facile rintracciare un Business Angel che per ovvi motivi preferiscono non esporsi più di tanto in confronti pubblici o di settore. Di contro però esistono gruppi associati di investitori, ormai noti anche nei network di settore e sul web. Tra questi c’è il primo gruppo tutto italiano che ha lanciato nella nostra nazione la figura dell’investitore informale, e cioè IBAN, l’associazione italiana degli investitori informali in Rete che si definisce un’ “associazione senza scopo di lucro e non effettua in proprio alcun investimento, né intende in alcun modo sollecitare alcuno ad effettuare investimenti. IBAN si propone di mettere in contatto i suoi associati con progetti imprenditoriali. La valutazione di tali progetti viene svolta autonomamente dagli associati IBAN e al di fuori dell’associazione”.

Made in Italy è anche Italian Angels for Growth, composto da 129 soci “provenienti da posizioni di vertice del mondo imprenditoriale, finanziario, industriale e delle professioni. Insieme investiamo in startup fortemente innovative”. Tra le realtà italiane più interessanti troviamo anche il Club degli investitori di Torino, Angel partner Group, Digital Magics.

La guida europea

Booklet Business AngelDue associazioni internazionali di Business Angel (Eban ed Heban insieme ad ePlus Ecosystem) hanno redato una guida utile per chi è alla ricerca di fo
ndi per realizzare la propria idea imprenditoriale. Nel booklet in lingua inglese dal titolo Raising Business Angel Investment- European Booklet Entrepreneurs , sono analizzati in maniera molto chiara i passaggi chiave affinché investitori e startuppers trovino un terreno comune di confronto e soddisfazione reciproca. Nelle conclusioni viene chiaramente elencato una sorta di decalogo da tenere bene in mente. Tra i punti più interessanti c’è di certo il primo: “Iniziare a costruire la relazione presto, idealmente prima di aver bisogno di soldi”, ma anche “I migliori piani aziendali hanno un ottimo riepilogo esecutivo: il punto di un sommario esecutivo è quello di vendere succintamente l’opportunità di investimento, non solo di descriverne l’attività”.

 

 

L’ incubatore d’impresa  Vulcanìc aiuta a focalizzare anche i percorsi utili per trovare i fondi necessari. Hai una startup o vuoi crearla e vuoi sapere di più su questo tema? Contattaci!