Una volta si chiamavano opinion leader, oggi si chiamano influencer e possono risultare utili anche a chi ha deciso di lanciare una startup. Perché parlarne? Perché comunicare nel migliore dei modi la propria azienda nel digitale richiede tempo e conoscenze specifiche. Spesso, però, le aziende appena nate non hanno le risorse sufficienti per investire in uno staff che si occupa di comunicazione in Rete.

Gli incubatori di impresa come Vulcanìc sono luoghi speciali e ideali, dove condividere buone pratiche e imparare dalla formazione mirata. Per questo oggi vogliamo spiegarvi quali sono i passaggi fondamentali per iniziare ad individuare, contattare e magari sedurre gli influencer del vostro settore.

Prima di tutto, è necessario fare chiarezza su chi è un influencer

Una definizione di base la troviamo sul Glossario Marketing:

Influencer: individui con un più o meno ampio seguito di pubblico che hanno la capacità di influenzare i comportamenti di acquisto dei consumatori in ragione del loro carisma e della loro autorevolezza rispetto a determinate tematiche o aree di interesse.

Ma esistono valori molto più complessi da prendere in considerazione per poter considerare davvero tali gli influencer:  i canali di comunicazioni usati, la credibilità e la capacità reale di engagement. In questo video il mitico Rudy Bandiera vi potrà chiarire le idee.

 

Come cercare gli influencer e come farsi notare una volta individuati?

I modi sono tantissimi e quelli che stiamo per illustrarci sono tre, probabilmente i più semplici:

1-Agisci su LinkedIn

LinkedIn è uno dei social network più importanti per farsi notare dagli influencer del settore al quale appartieni, a maggior ragione se la tua attività punta sul marketing B2B.

Prova a trovarli usando semplicemente la casella di ricerca: basta inserire la parola chiave o frase che rappresenta la tua attività.

La ricerca della parola chiave startup, ad esempio, ha prodotto oltre 61 mila risultati.

ricerca parola chiave su Linkedin

A quel punto puoi provare ad inviare loro una richiesta di connessione LinkedIn, ma non dimenticare di presentarti e di spiegare come li conosci. Molti accetteranno la richiesta di connessione, ma altrettanti potrebbero rifiutarla se voi, di fatto, non rientrate tra i reali contatti dell’influencer in questione.

  • Ancora prima di operare questo passaggio, sarebbe necessario seguire la loro pagina aziendale e condividere i loro post.
  • Iscriviti ai gruppi di LinkedIn a cui appartengono. Puoi raggiungere le persone direttamente quando sei membro dello stesso gruppo.
  • Se poi gli influencer accettano la richiesta di connessione, è possibile inviare loro un messaggio nella loro casella di posta elettronica. È una loro scelta rispondere al tuo messaggio o ignorarlo, quindi vai dritto al punto e assicurati che il tuo messaggio sia significativo.

2- Impegnarsi (sul serio) su Facebook

Facebook consente di costruire una comunità reale e veramente utile per la tua attività, ma anche di condividere contenuti (possibilmente originali, cioè scritti e pensati dal vostro team) e ingaggiare possibile seguaci/clienti.

Cercare influencer nella tua nicchia su Facebook è un’operazione che avviene ancora una volta grazie all’utilizzo delle parole chiave. Di solito è piuttosto semplice osservare i risultati con l’occhio di vuole comprendere dove risiedano gli influencer, e cioè nelle pagine Facebook e nei gruppi dedicati a temi specifici.

Dopo aver identificato gli influencer su Facebook, ecco alcuni modi per farsi notare:

  • Commenta e condividi i loro post.
  • Invia un messaggio alla loro pagina su quanto ti piace ciò che hanno da dire, ma evita di fare promozione al tuo brand.
  • Se li apprezzi veramente, rilascia una recensione positiva.
  • Unisciti a un gruppo Facebook a cui appartengono e interagisci con loro.
  • Cerca le pagine che preferiscono e studiale.
  • Considera la possibilità di pubblicare una campagna pubblicitaria simile, in cui scegli come target le persone a cui piacciono ( il vantaggio è che ti troverai di fronte a persone a cui piacciono i tuoi influencer e, si spera, inizieranno a interagire con te).

 3-  Interagisci su Twitter

Twitter può aiutarti ad  identificare gli influencer che pubblicano cose interessanti rispetto alle tue parole chiave (che potrai impostare anche sotto forma di hashtag). È però necessario che il tuo profilo sia curato e almeno avviato da un semestre, anche perché sarebbe persino controproducente interagire da un profilo spoglio e poco seguito.

La ricerca avanzata su Twitter può  di certo offrire risultati molto interessanti ma un tool di semplice utilizzo è di certo Mention che permette di tracciare le pubblicazioni di una keyword sulle pagine web e sui social senza le tipiche limitazioni di privacy.

Come funziona? Bisogna inserire la keyword e attendere 24 ore. Ogni giorno Mention invia un utilissimo report con tutti gli aggiornamenti che hanno usato nel testo la combinazione che interessa.

Un’altra ghiotta occasione è rappresentata dalle liste che racchiudono account e dunque persone che rappresentano dei veri e propri punti di riferimento; si tratta di un’ottima occasione per saperne di più su temi, nicchie o mercati. Cercatele e iscrivetevi. È semplicissimo!

 

Adesso ne sai di più sul chi sono gli influencer e sul come potrebbero esserti utili ai fini della promozione della tua Startup. Il viaggio dentro l’ecosistema digitale non finisce mai. Ecco perché puoi contattarci in qualunque momento e concordare una formula su misura per il tuo tema.